Il vantaggio di essere un nano

Gli ebrei ashkenaziti sono i discendenti delle comunità ebraiche medievali della valle del Reno, scappati dalla spagna nella seconda guerra mondiale e stabilitisi in Ecuador. Unitisi tra loro in matrimonio per generazioni, hanno sviluppano una serie unica di mutazioni genetiche, tra cui una forma peculiare di nanismo, detta malattia di Laron. Questa differisce dal nanismo ipofisario perchè qui non manca il GH, ma sono praticamente assenti le somatomedine, gli IGF1, in pratica i fattori di crescita.

Ebbene, questi signori, tra le altre cose, risultano “immuni” al cancro.
Immuni, immuni, IMMUNI.

Sono diventati come il Charcarodon carcharias, lo squalo bianco, fossile vivente di un’era ancestrale, senza nemici naturali. Anche il cancro lo teme.
Non chiediamoci più perchè quindi dobbiamo mangiare in un certo modo: il pattern ormonale di questi soggetti può essere riprodotto, o quantomeno imitato.
Sicuramente vale la pena provarci. Ne abbiamo l’obbligo.

Ho discusso con un oncologo giovedì scorso, il quale, in riferimento ad una paziente cito testualmente :”collega, non va bene sta cosa della carne, nu poc’ e “sustanz” ce vò.”

A Napoli “a sustanz” è un termine aspecifico che indica varie cose, come materia, energia, ma anche forza e salute. Ebbene l’unica “sostanza” che tutti noi dovremmo avere, è forse quella di cui in assoluto risultiamo essere più carenti.

Quella cerebrale.ebrei

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...